Diritto all’Oblio per Cancellare Notizie da Google

Negli ultimissimi tempi si è sentito molto parlare di diritto all’oblio. Si tratta di quel diritto, da parte del cittadino, di richiedere la cancellazione dei propri dati o notizie lesive della propria immagine dai motori di ricerca su internet. Ebbene, questo diritto ora potrebbe essere accordato ‘solo a metà’… E’ recente infatti la notizia secondo la quale Google, il motore di ricerca più utilizzato al mondo, non avrà più l’obbligo di rimuovere i contenuti degli utenti che hanno fatto richiesta di cancellazione al di fuori dell’Unione Europea. Che significa questo? Che, pur avendo portato a termine in modo corretto tutte le procedure per avvalersi del proprio diritto all’oblio, seppur cancellati dai motori di ricerca in Europa, quegli stessi link e contenuti potrebbero continuare ad essere visibili nel resto del mondo (ad esempio negli Stati Uniti). Ma com’è possibile? Tutto è nato dalla battaglia intrapresa da Google a conservare il proprio diritto di offrire un servizio di ricerca informazioni il più completo e veritiero possibile. Già nel 2016, il colosso di Mountain View si era visto multare per 100mila euro dall’authority per la privacy della Francia, perché si era rifiutato di eliminare alcuni contenuti a livello mondiale (contenuti che avevano ottenuto il diritto all’oblio). La causa è andata avanti e, tra cause e rinvii alla Corte di giustizia, si attende in questi giorni la decisione finale. Ma, come sta delineandosi, è molto probabile che verrà rigettata l’idea di un’extraterritorialità del diritto all’oblio. Questo perché sicuramente ci si appellerà ad un principio base, quello cioè secondo il quale una norma debba essere valida solo e soltanto sul territorio in cui viene adottata. Insomma, diritto all’oblio sì, ma ‘con riserva’, si potrebbe dire. Ma da Google ci tengono a specificare che sono molto sensibili al diritto all’oblio e stanno strutturandosi per continuare ad offrire informazioni complete agli utenti in base alla loro localizzazione, continuando a tutelare i cittadini. Come eliminare risultati personali Google, cosa fare per cancellare notizie da internet? In pratica, se chiedo di cancellare i miei dati e informazioni da Google in Italia, questi verranno oscurati anche nei paesi dell’Unione Europea (quindi tutti i domini Google. It, .fr, ecc), ma in base a dove viene effettuata la ricerca (ad esempio in Canada), quegli stessi contenuti potranno essere visualizzati nei risultati delle ricerche. Puoi cancellare notizie da internet avvalendoti di servizi di società specializzate, come Cyber Lex, società con sede a Roma e a Milano con lunga esperienza nei servizi di reputazione web. Grazie al suo team composto da avvocati ed informatici, Cyber Lex può prendere in mano la tua reputazione sul web e gestire le richieste di diritto all’oblio in maniera efficace e professionale.

Accordi prematrimoniali a Roma

Entro il 2020 dovrebbero essere introdotti anche in Italia i patti prematrimoniali, così come accade già da decenni soprattutto nei paesi di cultura anglosassone, dove i cosiddetti “prenuptial agreements” svolgono la funzione di ridurre le controversie familiari e di divorzio. Ora, infatti, è allo studio del Governo un disegno di legge per consentire ai coniugi di stipulare prima o durante il matrimonio (o l’unione civile) un contratto con il quale regolare in anticipo le conseguenze di un’eventuale separazione.

Come si legge nel testo del Ddl, che se fosse approvato rivoluzionerebbe il diritto di famiglia italiano, il Governo sarà delegato ad adottare uno o più decreti legislativi per la revisione e integrazione del Codice civile, al fine, tra l’altro, di «consentire la stipulazione tra i nubendi, tra i coniugi, tra le parti di una programmata o attuata unione civile, di accordi, in forma di atto pubblico o scrittura privata autenticata, aventi efficacia obbligatoria, intesi a regolare tra loro, nel rispetto delle norme imperative, dei diritti fondamentali della persona umana, dell’ordine pubblico e del buon costume, i rapporti personali e quelli patrimoniali e i criteri per l’educazione dei figli».

Accordi prematrimoniali a Roma, quali sono i vantaggi?

I contratti prematrimoniali consentono di stabilire prima, durante e dopo il matrimonio o l’unione civile, il progetto comune di vita, anche nel caso la relazione dovesse naufragare. Tali accordi, quindi, valorizzano l’autonomia privata e permettono di mettere nero su bianco i reciproci riconoscimenti in una fase della vita di coppia in cui si va ancora d’accordo e non quando si è accecati dal dolore e dal rancore che la fine di un rapporto solitamente comporta. I numeri del resto parlano chiaro: nell’ultimo ventennio, infatti, i divorzi nel nostro Paese sono aumentati esponenzialmente, così pure le procedure di scioglimento delle unioni civili. I patti prematrimoniali quindi rappresentano un’esigenza concreta, che il legislatore non può più rimandare di affrontare.

Accordi prematrimoniali a Roma, le differenze con i prenuptial agreements

I patti prematrimoniali non sono mai stati visti di buon occhio, sia dalla giurisprudenza sia dall’opinione pubblica, ma oggi le cose stanno cambiando e molti italiani sarebbero invece favorevoli all’introduzione dei contratti prematrimoniali per pianificare prima la vita familiare, e le questioni economiche qualora l’amore dovesse finire.

Se però nei paesi anglosassoni con i prenuptial agreements è consentito disciplinare anche le questioni più futili (es. a quale dei due coniugi resterà il cane di famiglia se la relazione dovesse finire?) o assurde (es. fissare la frequenza dei rapporti sessuali…), nel nostro ordinamento probabilmente sarà possibile concordare in misura più ampia solo gli aspetti patrimoniali, escludendo quindi ogni riferimento ai rapporti tra genitori e figli. Le uniche questioni riguardanti i figli potrebbero essere quelle che si riferiscono alla loro educazione. Si potrà decidere in anticipo il tipo di scuola che frequenteranno (es. se a indirizzo laico o religioso) o la loro residenza fino alla maggiore età.

Ritornando agli aspetti economici e patrimoniali, si potrà ad esempio stabili in anticipo la cessione a un coniuge della proprietà o di altri diritti su uno o più immobili, l’attribuzione di una somma periodica o un tantum, il trasferimento al coniuge o a terzi di diritti o beni da destinare al mantenimento e alla cura dei figli o la rinuncia al mantenimento (ma non agli alimenti). L’unico vincolo che è posto dal disegno di legge delega, il cui testo per il momento è ancora piuttosto scarno, è il rispetto delle norme imperative, dei diritti fondamentali della persona umana, l’ordine pubblico e il buon costume.

Le riviste di business più lette al mondo

“Io speriamo che me la cavo”. Quando si parla di settori ostici e complessi come l’economia, la finanza o gli affari, diventa quasi impossibile non scomodare Paolo Villaggio ed il suo simpaticissimo film. Di certo, tenere una discussione su argomenti di questo tipo non è impresa facile. Eppure molti decidono di intraprendere una carriera in questo mondo fatto di cifre, numeri e regole di mercato. Pertanto, per evitare figuracce o insuccessi, sarà buona norma acquisire conoscenze, competenze ed abilità che permettano di eccellere e di fare strada in un settore particolarmente difficile. Ovviamente diventa necessario portare avanti studi nel settore, percorsi universitari e, poi, completare il cammino post – laurea frequentando master o corsi di specializzazione. Ma, se come è vero, nella vita “gli esami non finiscono mai”, non basteranno laurea, corsi e master, perché l’addestramento in un settore tanto complicato è in continuo divenire. Infatti, il mondo del business, della finanza e dell’economia viaggia a ritmi elevatissimi. Diventare professionisti affermati e di spicco in comparti di questo genere presuppone un continuo aggiornamento, una vita alla ricerca incessante di informazioni e novità. A tal proposito, vengono in soccorso le riviste specializzate in business, economia e finanza che rappresentano una fonte sempre ricca di notizie per gli esperti del settore. Vediamo quali sono quelle più lette al mondo. Ovviamente, e non poteva non essere così, sul primo gradino del podio troviamo la rivista a stelle e strisce “Bloomberg Businessweek”. Nata e fondata in un anno particolarmente significativo per l’America, il 1929 ricordato per la Grande Depressione causata dal crollo di Wall Street, offre al lettore importanti riflessioni sul mercato, novità, prodotti e politica. Restando ancora negli Stati Uniti, altra rivista di business più letta al mondo è di certo “Forbes”, un autentico must per gli uomini di affari ed i broker di Borsa. Forbes fu fondato nel lontano 1917 e prende il nome della famiglia che ha dato vita al bisettimanale. Oltre alle consuete news di mercato e affari, nel tempo è divenuto famoso per le classifiche degli uomini più ricchi al mondo. Inserito anch’esso nella lista delle riviste di business più lette al mondo c’è sicuramente il “The Globalist”, specializzato in globalizzazione. Il magazine ha sede a Washington, offre interventi di spicco sull’economia internazionale, ma è di facile fruizione. Forte della sua esperienza ormai trentennale, sempre a Washington ha sede il “The International Economy”. Esce in edicola con cadenza quadrimestrale; recentemente è stato elogiato dal “New York Times” per la semplicità con sui sono esposti anche i contenuti più complessi. Spostandoci nel Regno Unito, tra le riviste di business e affari più famose al mondo c’è sicuramente il “The Economist”; esso raccoglie le notizie che arrivano da ogni parte del mondo ed affronta temi quali politica, economia e affari internazionali, cronaca e speciali dedicati a scienze e tecnologia. In Gran Bretagna è disponibile ogni giovedì, mentre il giorno successivo è reperibile nelle edicole estere in ogni parte del globo. È, di certo, il più autorevole a livello mondiale. Infatti, non ne manca mai una copia sulla scrivania di dirigenti, manager, diplomatici, operatori di banca ed esperti di mercato. Dai contenuti di non facile comprensione, è disponibile sul Web ed in formato cartaceo. Giungendo, invece, in Italia, anche il nostro paese vanta un’importante gamma di riviste di business, annoverabili tra quelle più lette al mondo. Tra le più conosciute c’è “Ticonzero”, giunta al suo 22° anno di vita. Può fregiarsi di firme importanti e famose e i suoi contenuti sono molto apprezzati nel mondo dell’economia e della finanza. Seguono a ruota e appaiono nella lista delle riviste di business più lette al mondo anche: “Espansione”, uno dei periodici più antichi, fondato nel 1969, reperibile ogni giovedì in allegato a “Il Giornale” oppure venduto singolarmente, ogni giorno, in edicola; “Millionaire”, rivista che dedica il proprio contenuto ai giovani imprenditori. Nato nel 1990, dal 1999 affianca al periodico cartaceo anche una versione sul Web, seppure riporti i contenuti rintracciabili nella copia stampata. Infine, tra le riviste di business più lette la mondo è possibile rintracciare anche magazine di respiro europeo. Due sono quelle degne di particolare menzione: “New European Economy” che affronta, con linguaggio chiaro e semplice, gli argomenti afferenti ai settori dell’economia e della finanza; “European Economic Review”, che tratta temi legati all’economia e alla finanza internazionale.

 

Gli eventi musicali più attesi a Bologna per l’estate 2020

L’Emilia – Romagna è da sempre meta di vacanze per molti turisti, soprattutto nelle stagioni più calde dell’anno. Infatti, si tratta di una terra particolarmente amata perché offre panorami incantevoli, luoghi unici da visitare e, ovviamente, una cucina ricca di prelibatezze da gustare. Inoltre, è da sempre patria della buona musica e del liscio; dunque, accompagna le vacanze di visitatori e turisti con eventi e appuntamenti particolari, che spesso animano le balere e le spiagge della costa. A tal proposito, vediamo quali sono gli eventi musicali più attesi per l’estate 2020 a Bologna e nei dintorni. Inaugura la stagione musicale degli eventi Bologna un concerto di musica classica dal titolo “Tutto Beethoven”. L’appuntamento sarà per il 6 giugno presso il Teatro Comunale di Bologna. Sarà, invece, Eric Clapton a dare inizio alla stagione musicale estiva dal carattere più rock e movimentato. Infatti, il chitarrista e cantautore britannico attenderà tutti gli appassionati a Casalecchio di Reno, il più grande comune appartenente alla Città Metropolitana di Bologna; l’8 giugno, infatti, farà tappa all’Unipol Arena per intrattenere i suoi fan. Ancora un intermezzo di musica classica tra gli appuntamenti musicali più attesi a Bologna per l’estate 2020. Presso il Teatro Comunale, infatti, il 22 giugno andrà in scena il “don Juan” di Richard Strauss. Qualche settimana dopo, e siamo al 26 giugno, Vasco Rossi tornerà nella sua Emilia – Romagna. Infatti, ad Imola, presso lo storico Autodromo Internazionale intitolato a Dino ed Enzo Ferrari, farà palpitare il cuore degli appassionati con i suoi successi del passato e le sue canzoni più recenti. Si prevede, così, un autentico bagno di folla per il Blasco, amatissimo dal suo pubblico e seguito da intere generazioni, giovani e meno giovani. Tra gli eventi musicali più attesi a Bologna per l’estate 2020 c’è sicuramente il concerto dei Pearl Jam, famoso gruppo statunitense di grunge/rock alternativo. La band festeggerà quest’anno il trentennale della sua nascita con una tappa del suo tour ad Imola il 5 luglio, sempre presso l’Autodromo Internazionale Dino ed Enzo Ferrari. Sarà sicuramente l’occasione per lanciare il nuovo album “Gigaton”, dopo due anni senza  pubblicazione, che avrà l’ambiente come tema dominante, peraltro di grande attualità. Il giorno successivo, il 6 dunque, Bologna città ospiterà il concerto dei Deep Purple, band musicale inglese di hard rock, che da ben 51 anni regala emozioni ai fan. Appuntamento per gli appassionati presso il Sonic Park di Bologna, località Parco Nord. Non solo musica leggera o rock nella terra emiliana. Infatti, tra gli eventi musicali più attesi per l’estate 2020 a Bologna ci sarà anche uno spettacolo teatrale. Si tratta de “La mano felice – Il Castello del Principe Barbablù”, in programma dal 7 al 12 luglio presso il Teatro Comunale di Bologna – “Sala Bibiena”. Appuntamento da non perdere per gli amanti del genere. Lo spettacolo, infatti, andrà in scena in lingua originale (tedesco), ma gli spettatori potranno contare sulla presenza di sopratitoli in italiano ed inglese. Altro ritorno atteso nella patria natia per l’estate musicale 2020 a Bologna sarà quello di Cesare Cremonini, bolognese doc. Infatti, presso l’Autodromo di Monza il 18 luglio attenderà i suoi fan per rievocare i successi del passato e i brani più attuali. Solo due giorni dopo, poi, ancora a Bologna e ancora presso il Sonic Park si terrà l’esibizione live degli Iron Maiden, gruppo musicale heavy metal britannico, che chiuderà con la loro esibizione la stagione degli eventi musicali più attesi a Bolgna per l’estate 2020.

Web Reputation e cancellazione notizie da Google

Lo Studio Legale Parente Bianculli & Associati assiste la persona nella tutela della propria immagine e del proprio onore, i quali possono essere lesi sul web. In particolare lo Studio Legale offre assistenza a tutela della reputazione danneggiata, in quanto la persona possiede un valore a livello sociale, che deriva dalla percezione che gli altri hanno su di essa. In giurisprudenza il diritto del soggetto alla reputazione, al decoro personale e all’onore, è il diritto all’integrità morale, inteso come l’interesse della persona di poter preservare il proprio onore e decoro nella collettività. Nella Costituzione il diritto all’onore e alla reputazione è presente all’art. 2 e rientra tra i diritti inviolabili della persona, tale per cui ogni cittadino ne ha totale diritto, indipendentemente dall’ambito sociale di riferimento.

Lo Studio Legale Parente Bianculli & Associati offre al cittadino la possibilità di poter tutelare il proprio diritto all’onore sul web, proteggendo la dignità della persona. Lo Studio Legale offre supporto giuridico alla persona, sia con azione penale che civile, nei confronti di chi ha violato e leso la dignità e la reputazione dell’assistito. Attraverso l’azione di carattere penale, lo Studio assiste il titolare del diritto a richiedere il risarcimento del danno per fatto illecito, compresi i danni morali subiti. In ambito penale, l’onore e il decoro sono tutelati in virtù degli artt. 594 e 595 c.p., che puniscono sia i delitti di ingiuria che di diffamazione. Sul piano civilistico, la tutela dell’onore consente ai danni del soggetto, il risarcimento del danno e la pubblicazione della sentenza. E’ importante distinguere il danno all’onore dal danno al decoro, dove per l’onore si intendono le qualità in possesso di una persona che ne determinano così il valore; mentre il decoro concerne il rispetto o il riguardo di cui ciascun essere umano è comunque degno in quanto persona.

L’avvocato Angelica Parente e l’avvocato Domenico Bianculli, attraverso un’eccellente competenza in materia, offrono supporto giuridico e tecnico per il ripristino della web reputation negativa, sia verso le aziende che verso la singola persona. Infatti, lo Studio Legale Parente Bianculli & Associati è   web   partner   di   Cyberlex.net,   società   di servizi   a   difesa   dei   diritti   delle   persone   e   delle   aziende   su   Internet, composta, oltre che da avvocati, anche da esperti informatici. Pertanto, lo Studio Legale Parente Bianculli & Associati insieme a Cyber Lex, offrono servizi alle aziende e alla singola persona, utilizzando le tecnologie più avanzate in ambito tecnologico e le competenze e la professionalità eccellente in ambito giuridico. Lo Studio Legale e Cyber Lex valutano insieme ai propri clienti l’azione e la strategia più idonea per ripristinare la reputazione danneggiata sul web. Nell’era della comunicazione 2.0 la Web Reputation è fondamentale, sia per le aziende che per il singolo, poiché chiunque, attraverso la semplice digitalizzazione del nominativo può conoscere l’immagine e la reputazione di cui gode il soggetto; pertanto, qualora la reputazione online fosse negativa, è importante rimediare immediatamente. Lo Studio Legale Parente Bianculli & Associati offre il proprio supporto giuridico per quanto concerne la diffamazione sul web e insieme al suo staff informatico collabora affinché si possa ottimizzare il risultato di ricerca in merito al nominativo e quindi costruire un progetto di Ingegneria Reputazionale. Perché è importante ricostruire l’immagine sul web? La reputazione online rappresenta ad oggi un’immagine fondamentale, sia a livello aziendale, sia anche per la persona, la quale, attraverso un’immagine negativa sul web, può compromettere la propria reputazione personale e lavorativa.

Cos’è il Diritto alla Reputazione di una persona? Lo Studio Legale Parente Bianculli & Associati, con l’Avvocato Domenico Bianculli e l’Avvocato Angelica Parente, può difendere il tuo diritto all’immagine e lavorare con una rete di consulenti per la web reputation e la difesa dei diritti della persona. Lo Studio Legale offre assistenza alla persona per la cancellazione notizie da Google che ledono la reputazione personale, avvalendosi dell’esercizio del Diritto all’Oblio. Il Diritto all’Oblio è un diritto fondamentale per la persona e consente la rimozione del dato personale per ripristinare la reputazione danneggiata e trasformarla in positiva. Oltre alla cancellazione notizie da Google, lo staff dell’Avvocato Domenico Bianculli si occupa di progettazione di Ingegneria Reputazionale, volta a ricostruire la reputazione online e l’immagine dell’azienda o della persona, attraverso strategie di creazione, gestione e monitoraggio dell’identità digitale.

La professionalità e la competenza in materia fanno si che lo Studio Legale Parente Bianculli & Associati adotti delle strategie costruite su misura per il cliente, in base alle esigenze specifiche. In tal senso, si occuperà in prima istanza di valutare, nel rispetto delle norme vigenti, il tipo di diffamazione web che è stata effettuata ai danni del soggetto; in secondo luogo di cancellare notizie diffamatorie da  Google e infine di monitorare la reputazione web affinché non venga più danneggiato il nome della persona o dell’azienda in questione.

2000px-Google_2015_logo.svg